Left Right

Il leasing abitativo fornisce una spinta al mercato immobiliare italiano

apr 21, 2016 | admin_apollo | News | No Comments

La situazione del mercato immobiliare ha conosciuto nel corso degli ultimi anni una flessione per ciò che riguarda le compravendite del settore abitativo, fattore da attribuirsi in parte al calo degli acquisti da parte dei giovani under 35. Questa fascia di popolazione, infatti, rappresentava fino a una decina di anni fa circa la metà degli acquirenti in campo immobiliare, per attestarsi ad oggi a solo un quarto dei compratori di casa.

Al fine di mantenere vivo il mercato dei trentenni, la Legge di Stabilità varata nel 2016 ha introdotto uno strumento aggiuntivo rispetto a quelli classici, ovvero la formula del leasing abitativo, il quale rispetto alla stipula del mutuo prevede maggiori vantaggi, in particolar modo se oltre al requisito dell’età si possiede quello di un reddito inferiore ai 55mila euro all’anno: in questo caso si ottiene un bonus fiscale del 19% sui canoni, calcolati su un ammontare massimo di 8000 euro/anno. La particolarità che, inoltre, distingue il leasing dal mutuo è il riscatto, che nel secondo caso, una volta estinto, determina il reale possesso dell’immobile e che, grazie alle condizioni già menzionate, può essere soggetto a sua volta dell’agevolazione del 19%, purché il suo valore complessivo non superi i 20mila euro. Per ciò che riguarda l’anticipo, dovrà essere pari al 20% del valore dell’intero immobile, la cui cifra non dovrà essere inferiore a 50mila euro.

Le rate avranno una durata che va dai 10 ai 30 anni con un tasso variabile, includendo la possibilità di interrompere il pagamento causa disoccupazione, per un periodo che arriva a 12 mesi.

Comments are closed.