Left Right

Crescita per l’immobiliare retail italiano: bene la prima edizione di Mapic Italy

mag 15, 2016 | admin_apollo | News | No Comments

Il settore dell’immobiliare retail sta vivendo in Italia un’importante crescita: Mapic arriva anche nel nostro Paese ed apre una fiera dedicata al segmento nelle giornate del 24 e 25 maggio. Sempre più importante si rivela infatti il rilievo che l’Italia assume nel panorama internazionale europeo, in particolar modo per ciò che riguarda il mercato delle High street e degli shopping center: di recente apertura il centro commerciale più grande d’Europa nella città di Arese.

Il successo ottenuto dalla fiera stessa rappresenta un forte segnale di come tale comparto stia procedendo in direzione positiva: a fronte di un’aspettativa di 800 partecipanti, ne sono stati contati quasi il doppio (1.400) i cui stand di piccole dimensioni hanno raccolto una elevata partecipazione, confermando il crescente interesse dei retailer internazionali per il mercato domestico.

Cushman & Wakefield propone un una situazione secondo la quale il mercato degli immobili retail nazionale vive un recupero per ciò che riguarda il settore investimenti, con un lieve rialzo dei consumi. Dati confermati da Cbre, che rileva un miglioramento degli investimenti retail legati al primo trimestre 2016: in tale periodo il volume di investimento è pari a 600 milioni di euro, equivalenti ad un incremento del 13% a fronte del trimestre antecedente, ma che rappresentano un volume tre volte superiore rispetto al medesimo periodo dell’anno precedente. Di tali volumi, il 62% è convogliato verso il segmento High street, per via dell’alta volatilità dei mercati, sintomo che la strategia ha subito un cambiamento, rivolgendosi ad investimenti dal rischio più basso.

Per ciò che riguarda i rendimenti, Cbre riporta all’interno del settore High street un calo a quota 3,5% (prime) e al 5% (secondarie).

A conferma dell’importanza assunta dai centri commerciali, si rilevano progetti in atto stimati a circa 331 mila metri quadrati di GLA, oltre all’ampliamento delle strutture già esistenti, che contano approssimativamente 80 mila metri quadrati di GLA, attestandosi in tal modo in forte aumento rispetto al 2015.

Comments are closed.